Archivio per marzo, 2017

Le 8 cose che non dimenticheremo di questa stagione Le 8 cose che non dimenticheremo di questa stagione 29 marzo 2017 - Roberto Mazzia Open Femminile Volley: finito il campionato invernale è ora di guardarsi indietro e tirare le somme: cosa resta dopo questo meraviglioso secondo posto?1- L’obiettivo raggiunto e la qualificazione sfiorataCi eravamo detti di voler lottare per la qualificazione nella categoria superiore e di voler arrivare nei primi due posti. Siamo arrivate seconde, a soli due punti dalla prima e battendola nell'ultima gara di ritorno in casa nostra con un secco 3-1.Perché resta l’amaro in bocca allora? Per i pochi ma fondamentali punti persi contro le “piccole” che ci avrebbero permesso di arrivare prime, o di guadagnarci la promozione come miglior seconda sfumata per un solo punto.E allora si è delusi e dispiaciuti. Ma con la consapevolezza di aver dato tutto e di essere enormemente cresciute.2- Le facce degli “altri” in palestraSoprattutto nel girone di ritorno, in cui siamo stati “quasi” degli schiacciasassi. I nostri tifosi, amici, parenti e gente dell'ASO, che ci aveva viste giocare qualche mese fa o l’anno scorso e adesso a fine partita mi guardano come per dire <Ah però, come giocano!>.O quelle degli avversari, quando nei nostri momenti migliori abbiamo tirato fuori tecnica, grinta e cattiveria per portarci a casa punti e vittorie, e quella facce in panchina o sugli spalti di <Oggi ce le state dando di brutto...>.Sensazioni positive che aumentano la convinzione di aver fatto qualcosa di fantastico e, per qualcuno, inaspettato.3- La puntualitàMai come quest’anno alle 20.00 eravamo tutte in palestra. Qualcuna ha addirittura comprato la macchina per poter arrivare puntuale. Addominali fatti (più o meno) volentieri per pagare eventuali ritardi anche di pochi minuti.Avevo chiesto di mostrare, fin dagli allenamenti, rispetto reciproco e voglia di lavorare: è stato uno dei primi segnali che sarebbe stata una grande stagione.4- La maglietta da riscaldamento della PevLa prima volta che ho visto quella maglietta ho pensato <Oddio che brutta!>. Mi sono ricreduto: quella maglia ha rasentato la perfezione, finendo la stagione imbattuta. Resta da chiedersi cosa sarebbe successo se, all'andata contro le Boys, qualcuno non si fosse dimenticata di lavarla.5- Il primo set con le boysE chi se lo dimentica. Era LA PARTITA, attesa fin dalla sconfitta dell’andata con la voglia di riscattarsi, di vedere se eravamo veramente cresciute, preparata in allenamento fino all'ultimo dettaglio.Ma più che il risultato finale sarà indimenticabile il primo set. Cariche, decise, cattive, forti. Abbiamo “bullizzato” le prime in classifica con quell'atteggiamento da <Cosa credete, di venire a vincere il campionato a casa nostra? Dovrete fare i conti con noi>. Vinciamo 25-17 e la paura, per la prima volta, si vede negli occhi della capolista. E a fine partita la capolista (anche se solo temporaneamente) eravamo noi. Che altro dire?6- Le paste di RaffaellaNon ci sarebbe grande vittoria senza grandi paste. E dopo la meravigliosa vittoria che ci ha dato la vetta della classifica (anche se solo per pochi giorni) come un angelo compare Raffaella, la nostra mitica dirigente, con un mega vassoio di pizza. 92 minuti di applausi!7- Gli infortuniQuest’anno per festeggiare la fine della stagione invece che l’immancabile pizza al coccio avremmo dovuto organizzare un viaggio a Lourdes o Fatima. O forse entrambe. Tra caviglie che si stortano, dolori alle ginocchia, tendini che saltano e piedi che si staccano, legamenti che sembrano cedere e spalle lesionate, quest’anno è sembrato di essere all'interno di una puntata di Grey’s Anatomy. Ma nonostante tutto, siamo e saremo tutte ancora lì e ancora più forti di prima.8- Le interviste di VinceQui bisogna migliorare. A partire dalle riprese (Vince, un po’ meno primissimo piano please) la qualità delle nostre interviste è stata veramente pessima. Inizia il mister, con un ciuffo inguardabile e frasi di circostanza da politico navigato. Poi Ila Baroni, che complice le informazioni sbagliate ricevute dal CSI dà informazioni sbagliate riguardo una qualificazione quasi raggiunta che invece poi raggiunta non è. Per finire con il trio Ali ,Chia e Leti che sembrano ubriache (di gioia!) e l’intervista finisce un po’ così, tra urla e risate. Ma siamo gente di campo, gli schermi non fanno per noi... Leggi tutto Condividi
+Copia link
Aso basket: una storia bellissima! Aso basket: una storia bellissima! 21 marzo 2017 - Vincenzo Lopresti Nel 2012 viene fondata aso basket, una sezione della società cernuschese che dà, a ragazzi appassionati dello sport inventato da James Naismith, un’alternativa in città alla libertas disputando un tranquillo campionato csi.La squadra è formata con il passaparola, i primi mesi ci si allena senza iscriversi al campionato invernale preparandosi a quello primaverile.L’intento principale è quello di fare sport stando insieme divertendosi senza badare eccessivamente ai risultati e, per i primi due anni, la squadra si posiziona sempre in coda alla classifica con una sola vittoria in due anni.Nel 2014 il coach Italo Filosa assume il ruolo dirigenziale per dare più sviluppo a livello esterno alla squadra anche nella ricerca di nuovi rinforzi. La guida tecnica è quindi affidata a Roberto Colombo, prima giocatore della compagine cernuschese e attuale coach.Nello stesso anno e in quello successivo alcuni giocatori smettono; per rinforzare la squadra non si può contare sul vivaio a causa della mancanza del settore giovanile ma per fortuna arrivano nuovi innesti, alcuni dei quali provenienti da campionati fip aumentando il livello di talento ed esperienza, permettendo al coach di lavorare meglio in allenamento potendo cominciare a dividere per ruolo e per caratteristiche noi giocatori creando esercizi mirati e affidando la supervisione parziale di uno dei due gruppi, in mancanza di un vice-allenatore, a qualcuno degli elementi più “rodati”.Nella stagione 2014/15 ci togliamo le prime seppur piccole soddisfazioni e arriviamo ad alzare il bottino di vittorie a 2 con prestazioni più soddisfacenti.Un minimo miglioramento ma che infonde in tutti noi un pizzico di fiducia in più nei propri mezzi con la consapevolezza di poter crescere e rendere maggiormente lavorando tutti insieme a testa bassa.La stagione successiva riusciamo ad aumentare nuovamente il numero di successi portandoli a 3, riduciamo anche gli scarti nei punteggi delle sconfitte in modo considerevole cominciando a formare lo zoccolo duro della squadra.L’inizio della stagione corrente ci porta nuovi e giovani rinforzi ma nonostante questo non riusciamo ad iniziare il campionato nel migliore dei modi ed esordiamo con una sconfitta in una partita abbordabilissima.Nelle sfide successive mostriamo un gioco a tratti migliore ma la soddisfazione della vittoria tarda ad arrivare un po’ per scarsa concentrazione, un po’ per il gruppo che, per impegni extra-sportivi, è spesso diverso a partite e ad allenamenti e fatichiamo quindi a trovare costanza, fluidità e la giusta intesa in uno sport dove il gioco di squadra è fondamentale.Chiudiamo Il girone di andata in malo modo con 0 vittorie e tanti rimpianti per sconfitte evitabili.Il 2017 però è tutta un’altra storia…partiamo con due vittorie, un’amichevole e la prima partita del girone di ritorno che cominciano ad aiutare il gruppo a diventare più unito.Ci giochiamo i match sempre con più bagarre anche con rivali di alta classifica con le quali negli anni passati non c’era mai stata storia.Facciamo vedere in campo tutto ciò che di buono è stato fatto lungo il nostro cammino, le partite cominciano ad essere avvincenti e le avversarie che prima ci sottovalutavano pensando di poter "passeggiare" su di noi sono costrette a ricredersi e a sudarsi ogni assist, ogni tiro, ogni punto. Dimostriamo di essere sempre di più una vera squadra che gioca insieme ognuno al servizio dei propri compagni lottando fino all'ultimo secondo con il coltello tra i denti e grazie a questo riusciamo ad abbattere il record di vittorie che salgono a quota 4 (su 9 partite disputate nel girone di ritorno) delle quali 3 nelle ultime 4 tra cui si annovera la netta vittoria con Truccazzano, una squadra solida, compatta e completa in ogni ruolo piazzatasi a fine campionato al 5° posto con 11 vittorie, 3° miglior attacco e 4^ miglior difesa del campionato.Soddisfazione ed entusiasmo non sono mai stati su questi livelli ma questo non deve farci perdere di vista l'obiettivo di continuare a lavorare per migliorare.Nonostante gli ultimi impegni avuti molto ravvicinati dobbiamo allenarci al massimo come chiede sempre il coach mettendoci testa, cuore e grinta perchè l'inizio del campionato primaverile è alle porte, la voglia di confermarsi infrangendo il record appena ottenuto è tanta e magari chissà che nelle prossime partite riusciremo a far avvicinare un po' di pubblico dandoci una marcia in più con il loro sostegno.Luca Sapienza Leggi tutto Condividi
+Copia link
Open a 11: fino alla fine! Open a 11: fino alla fine! 21 marzo 2017 - Vincenzo Lopresti Vittoria interna di prestigio per l'Open a 11 che supera il Nazareth all'Aso Stadium con un 2-1 in rimonta firmato Gjera-Peverini. I ragazzi di Brizzolari ritrovano il sorriso dopo una settimana vissuta con l'amaro in bocca per la sconfitta in casa del San Enrico. Una sconfitta che con ogni probabilità ha decretato la fine del sogno promozione dei nostri ragazzi. 3-2 (reti di Gjera e Fumagalli) il risultato finale dello scontro con il San Enrico dello scorso week-end, al termine di una gara in cui i nostri non sono riusciti a mettere in campo quella "cattiveria" che sarebbe servita per portare a casa tre punti pesantissimi. Questa domenica invece la fame di vincere non è mancata, ed è stata appunto la buona dose di cattiveria agonistica messa in campo a permettere ai nostri di ribaltare il match con il Nazareth nei minuti finali. I ragazzi di Brizzolari, schierati con il solito 4-4-2 con Pantaleo in porta, Gaggi, Cavalletti, Rizzo e Patruno in difesa, M. Peverini e Izzo a centrocampo, Melzi e Meroni sulle fasce e Gjera in avanti con Fumagalli, sono scesi in campo con la giusta voglia e hanno dato vita ad un match piuttosto combattuto contro un avversario altrettanto determinato a fare risultato. La prima metà del match, priva di goal, si è giocata all'insegna dell'equilibrio tra le due compagini con lo sfortunato M. Peverini costretto a lasciare il campo nei minuti finali per via di un infortunio di gioco (al suo posto dentro Di Spaldro). Nella seconda metà di gara, in cui hanno fatto il loro ingresso in campo Battaglia, L. Peverini, Caldarini e Mauri, i nostri ragazzi hanno faticato per diversi minuti ad uscire palla al piede, sorpresi dalla forte pressione degli avversari, i quali si sono portati momentaneamente in vantaggio con un piazzato rasoterra all'interno dell'area di rigore. A questo punto i nostri hanno reagito con grinta e, dopo aver sprecato qualche buona occasione, hanno ribaltato il risultato con le reti di Gjera, abile nel battere il portiere da pochi passi e L. Peverini, imbeccato da un rilancio rapido e intelligente di Pantaleo e sempre più vicino alla vetta della classifica marcatori. Tre punti dunque che fanno morale e fanno ben sperare per il futuro di questa squadra, attualmente terza in classifica alla prima stagione in Open A. Anche se l'obiettivo promozione è sfumato, restano da giocare quattro partite con il massimo dell'impegno, per onorare il campionato e chiudere l'invernale nella miglior posizione di classifica possibile. Va ricordato inoltre che i nostri ragazzi saranno prossimamente impegnati in due competizioni importanti: in particolare, a inizio Aprile nei sedicesimi di finale della Special Cup CSI e, più avanti in primavera, nel torneo Prestige. Forza ragazzi! Fino alla fine!Matteo Di Spaldro Leggi tutto Condividi
+Copia link
Aso 2006 bianco: intervista incrociata alle mamme! Aso 2006 bianco: intervista incrociata alle mamme! 20 marzo 2017 - Vincenzo Lopresti Ho sempre creduto che gli sport di squadra accrescessero la collaborazione, il senso di appartenenza e la socialità tra i ragazzi. Per questa ragione, quando mio figlio a 4 anni mi ha detto che avrebbe voluto giocare a calcio, non ho posto resistenza. D’altro canto, considerando che ho un marito che gioca a calcetto da una vita, il mio destino era segnato. 
Non sono mai stata molto interessata al calcio, salvo nelle occasioni speciali come gli Europei i Mondiali (impossibile dimenticare quelli del 1982!). Ricordo che l’estate in cui l’Italia ha vinto l’ultimo campionato Europeo era proprio quella in cui è nato il mio piccolo grande campione. 
Certamente ero inconsapevole di cosa significasse «veronica» (senza lettera maiuscola) prima di diventare una mamma ASO.
Difficile immaginare e prevedere che per osmosi questi valori di cooperazione, integrazione e socializzazione avrebbero potuto investire anche noi, le 21 mamme dell’ASO Bianco.
Mentre sul campo da gioco nascono e si consolidano amicizie, sugli spalti noi mamme condividiamo momenti allegria, passione, un po’ di follia, tanto divertimento e soprattutto partecipazione.
E così il borsone sempre in giro per casa, i calzettoni che non asciugano e i soprammobili rotti dalle pallonate sono un po’ più tollerabili
Nell’intervista che segue vi presento 9 colleghe mamme, che come me e con me stanno vivendo questa bellissime esperienza.Come ti chiami?LucianaAlessandraMichela Francesca «Bolli»Francesca «Mastro» VivianaCinzia Elena RosaUn aggettivo che descriva l’ASO Bianco?UnitoIndomabile, perché non si abbatte mai anche nelle sconfitte Paradossalmente è «colorato». Il bianco, peraltro, è la somma di tutti i colori! GenerosaPerfettaCon il giusto equilibrio fra tutti gli ingredienti: amicizia, complicità, collaborazione, umiltà, voglia di vincere e un pizzico di competizione… la squadra perfetta è servita! Non avrei potuto chiedere di meglio come esperienza sportiva per mio figlio. Frizzante e …spritz-zante Passione: come quella che hanno per il calcio i nostri ragazzi e i loro splendidi allenatori, anche con il fango, il freddo e la pioggia, sempre pronti a correre dietro al pallone. Entusiasmante, combattivo, ma sempre e comunque con il sorriso sulle labbra. Sempre inclusivo e pronto ad accogliere. L’ASO è una bella realtà e sono orgogliosa di farne parteEcletticoNon solo calcio, ma soprattutto altroCosa vuol dire essere una mamma ASO Bianco?Vuol dire essere orgogliosa, sprint, tifosa, altruista e bellaUna mamma ASO è una mamma che non si tira mai indietro quando serve far tanto rumore per sostenere la squadra; quando c’è da divertirsi, quando c’è qualche piccolo momento di difficoltà e nemmeno quando serve fare le lavatrici Accompagnare non solo i miei figli, ma anche i loro amici nella partita vera, la vita. Chattare con le mamme alla ricerca di calzini spaiati, organizzare i turni merende/lavatrici e uscire di casa per vedere giocare la squadra con QUALSIASI condizione atmosferica.Entrare a far parte, pian piano, di un gruppo di amiche Collaborazione, amicizia, risate, divertimento Le mamme ASO sono persone su cui contare, sincere e disponibili, pronte a sostenere sempre i piccoli campioni con tanto tifo e allegria. Mamma che partecipa alla crescita dei propri figli nella comunitàPrendere tanto freddo e non sentire più i piedi congelatiQual è il ricordo più bello vissuto con l’ASO?La prima partita di mio figlio, con il tifo più sincero che lo incitavaI bei ricordi sono tantissimi, ma quello che ho più nel cuore è il primo goal tanto agognato di uno dei bambini con la corsa in campo di tutti, ma proprio tutti, anche quelli seduti in panchina, ad abbracciarlo! Quando ci penso mi scende ancora una lacrimuccia Non ho un ricordo specifico, ma mi piace il riaccadere sempre nuovo dell’incontro tra noi adulti ad ogni partita o allenamento. Senza dubbio l’invasione di campo e l’esultanza di tutti per il primo goal del nostro Artur Non ho un ricordo particolare, ma mi piace la sensazione che si percepisce in questo gruppo; la voglia e il piacere di stare insieme ad ogni occasione Condivido il ricordo di Alessandra e Francesca. Aggiungo che ogni momento è bello passato insieme Il ricordo più bello è quando mio figlio è riuscito a realizzare il suo sogno di fare goal, ovviamente per tutti i genitori è un momento speciale, ma io ho avuto qualcosa di più. La magia di un grande travolgente abbraccio spontaneo di tutta la squadra e l’entusiasmo dei genitori che mi hanno fatto sentire il calore di una famiglia. I ricordi sono tanti e si accavallano nella mente. Preferisco ricordare non tanto la singola azione o il singolo evento sportivo, ma le emozioni generate dall’incontro con gli altri nei diversi momenti sportivi e conviviali La convivialità sugli spalti durante ogni partita e la solidarietà dei nostri ragazzi nei momenti difficili e quelli di gioiaCosa ti auguri per il futuro di tuo figlio?Che lo sport occupi uno spazio semplicemente importante Mi auguro che sappia fare tesoro di tutto quello che sta imparando facendo parte di questa squadra e che lo sappia mettere in pratica nella sua vita di tutti i giorni, oltre che nello sport. Che conservino il sorriso anche davanti alla sconfitta. Che continui a giocare con la stessa spensieratezza e con la giusta e sana competizione Che capisca, anche grazie a questa esperienza, la bellezza e l’importanza di far parte di un gruppo affiatato con cui collaborare e affrontare gli ostacoli…anche nella vita. INSIEME E’ PIU’ FACILE! Che conservi sempre il suo sorriso e la sua dolcezza Mi auguro che in futuro possa continuare ad essere sempre uno sportivo per mantenere i valori dell’amicizia, di lealtà e del sano divertimentoChe possa fare tesoro, nel suo cammino di crescita, di questa bellissima esperienza, comprendendone fino in fondo i valori di cui è formataChe ogni impegno futuro sia portato avanti con la stessa passione che dimostra per ogni allenamento e partitaUna citazione e incoraggiamento per la nostra squadra?Per dirla alla Michael Jordan: “Il talento ti fa vincere una partita, L’intelligenza e il lavoro di squadra ti fanno vincere un campionato Che la forza sia con te!#finoallafineforzaasobianco #vivereacoloriFino alla fine forza ASO Bianco Un giornalista chiese alla teologa tedesca Dorothee Solle: «come spiegherebbe a un bambino che cosa è la felicità?» «non glielo spiegherei» rispose «gli darei un pallone per farlo giocare».I nostri saranno bimbi felici!E’ la nostra: »Non abbiamo perso, abbiamo vinto 2-0 per loro!» La mia citazione preferita è di Nelson Mandela: « Lo sport può cambiare il mondo», del perché ne possiamo parlare a lungo. Una citazione cinematografica: «Luis, credo che questo sia l’inizio di una bella amicizia«Insegnami la dolcezza ispirandomi la carità» (noi mamme) «insegnami la disciplina donandomi la pazienza» (i papà) «e isnegnami la scienza illuminandomi la mente» (Angelo, Daniele & Co) Leggi tutto Condividi
+Copia link
Aso 2006 blu: un anno.. nel pallone! Aso 2006 blu: un anno.. nel pallone! 17 marzo 2017 - Vincenzo Lopresti Il campionato dell’Aso blu 2006 si è concluso così com’è iniziato, immergendosi totalmente nel pallone. I nostri bambini hanno ricevuto dai loro allenatori questa bella sorpresa, poter giocare a Bubble soccer. Un’idea davvero super, che è servita a celebrare tutti questi mesi di grande impegno, col sole, con la pioggia e – ahimè – anche con la neve. La voglia di giocare non passa proprio mai, ai bambini, ma anche agli allenatori e a noi genitori che – da bordo campo – soffriamo e tifiamo a squarciagola. Diciamo la verità, i veri bambini, molto spesso, siamo proprio noi! In questi mesi, grazie alle trasferte, abbiamo esplorato tanti altri comuni e oratori. Questa possibilità di rimescolarsi e di andare oltre i nostri confini è un altro dei grandi doni che questa esperienza nell’Aso offre a tutti noi. Ci si incontra, ci si scontra, ma soprattutto si condivide la voglia di giocare, si gioisce per le vittorie e si impara ad accettare le sconfitte. Perché il calcio, come la vita, non va sempre come vogliamo noi. È questo il bello!Grazie caro pallone, perché anche in questa stagione ci hai insegnato tutte queste belle cose. E grazie Aso, perché attraverso i tuoi allenatori dai a tutti noi – grandi e piccoli – la possibilità di impararle e, soprattutto, di divertirci un sacco tutti insieme!Sara, una mamma tifosa Leggi tutto Condividi
+Copia link
10 anni di palestra! 10 anni di palestra! 14 marzo 2017 - Vincenzo Lopresti Sembra ieri e sono già passati dieci anni: sabato 17 Marzo 2007, Oratorio Paolo VI, inaugurazione della nuova palestra. All’epoca ero il cronista che dagli anni 80 girava gli oratori di Milano e provincia per raccontare - per le pagine di Nuova Voce Amica nella rubrica "Radio Attivo Sport"– le imprese sportive delle squadre con la maglietta biancoblu del GSO Paolo VI impegnate nei vari campionati di calcio (soprattutto) e di volley femminile (poche). Un compito bello ma non sempre facile, da dividere anche a Cernusco tra il campo di via San Francesco e la palestra della scuola di via Don Milani dove sì, giocavi in casa, ma non proprio come il calcio che aveva il campo nel centro dell’oratorio. E fu così fino a quel sabato semplicemente eccezionale di marzo del 2007. E di eccezionale semplicità.L’idea di una palestra all’Oratorio Paolo VI aveva avuto origine sei anni prima, come parte di un progetto molto più ampio che intendeva rilanciare l’attività dello sport in oratorio. Già nel 1997 il nuovo Progetto Pastorale riconosceva allo sport presso l’Oratorio Paolo VI un ruolo importante (“si propone pertanto di rivitalizzare le strutture e le associazioni sportive promosse dall’oratorio, da utilizzarsi pastoralmente all’interno del Progetto Educativo dell’Oratorio”) ma era stato proprio nel Settembre 2001 che questo progetto di rilancio aveva mosso i primi passi, sviluppandosi secondo tre direttrici: il riposizionamento dell’attività sportiva verso i più piccoli e la crescita della cultura di “educare attraverso lo sport”, il tutto all’interno del progetto educativo dell’Oratorio Paolo VI; lo sviluppo del GSO in senso Associativo e Polisportivo e l’aggregazione di nuove disponibilità, soprattutto da parte dei genitori; la ristrutturazione delle strutture e degli impianti sportivi in oratorio, con appunto la palestra e l’adeguamento dei capi di calcio a 7 e a 11 giocatori.Il GSO che festeggiava la nuova palestra del Paolo VI in quel sabato di Marzo del 2007 era il frutto di questo percorso: cresciuto da 40 a 310 atleti in pochi anni, 3 su 4 avevano meno di 16 anni e il volley rappresentava ormai il 45% dell’attività sportiva; una sessantina di giovani e adulti avevano condiviso il passaggio Associativo e Polisportivo del 2004, condividendo la Carta dei Valori e l’idealità di “educare attraverso uno sport vivo sul territorio, che guarda Oltre”. Quella palestra fu il frutto del pensiero, dell’idea, del lavoro, della passione e del contributo di tantissime persone che in diversi contesti, commissioni, gruppi l’avevano resa concreta, giorno dopo giorno, anno dopo anno. Fu anche la straordinaria storia di una sintonia tra un gruppo di laici e i propri sacerdoti e quando Don Giuseppe e Don Gianluca benedirono la nuova palestra e ne tagliarono il nastro lo fecero davvero rappresentando un’intera comunità e la sua voglia di lasciare un segno importante nel quartiere e nella città, in quel momento storico. Fu infine il primo segno concreto di quell’Unità Pastorale che sarebbe nata di lì a pochi mesi, perché la sua realizzazione si concretizzò grazie al contributo delle tre Parrocchie e con una prospettiva di utilizzo già unitaria che sarebbe poi confluita nell’ASO’ Cernusco.Quello che successe in quel sabato di Marzo è geloso ricordo di chi c’era: Mario Motta, vice allenatore della Nazionale Italiana di Volley, guidò le ragazze del GSO nella prima partita della nuova palestra, poco prima che le ragazze del twirling si esibissero in uno spettacolo. Paolo Pulici diede il calcio d’inizio al Trofeo Paolino di calcio (ndr: Paolino era la mascotte del GSO) sul campo a fianco della palestra con le squadre di GSO Paolo VI e US Sacer, mentre Tiziano Crudeli firmava autografi e raccontava di sport a bordo campo. E poi tanta, tantissima gente, giovani, ragazze e ragazzi, famiglie, i papà che fondarono il GSO nel 1981, in un pomeriggio di eccezionale semplicità di relazioni.Non erano solo i muri di una nuova palestra, ma un nuovo spazio di socialità e condivisione di passione sportiva ed educativa tra le persone.Enzo Macchitrenta*Riproduzione articolo di voce amica edizione marzo 2017 Leggi tutto Condividi
+Copia link
2005 rosso: campioni dopo una lunga cavalcata! 2005 rosso: campioni dopo una lunga cavalcata! 13 marzo 2017 - Vincenzo Lopresti Partiamo subito da loro, i veri protagonisti di questa bellissima stagione: Davide (detto anche Berna) e Andrea (Fellet per gli amici), i nostri portieri; Jacopo (Chino), Thomas, Francesco (o semplicemente Bi), i difensori; Marco (Mapo), Samu, Fede G. (uno dei gemelli), i terzini; Luca (Miz) e Mattia (Pere) i centrali con le chiavi del centrocampo; Ale (l’altro gemello), Andrea (Crive), Mirko, Ricky, gli esterni di centrocampo; Lorenzo (Barso), Fede e Marco (Ambro) le punte. Un gruppo molto unito, i ragazzi si trovano spesso al di fuori degli allenamenti, sono allegri, a volte anche troppo, e in qualche circostanza costringono il mister a fare la parte del sergente “cattivo”, che minaccia esclusioni da partite, che non si concretizzano mai… E poi tante pizzate e serate trascorse insieme, con la scusa di festeggiare qualcosa.Negli ultimi due anni, in cui abbiamo giocato a 7, i ragazzi si sono presi delle belle soddisfazioni, vincendo i rispettivi gironi nelle categorie under 10 e under 11, ma quest’anno si passa al calcio a 11, quello vero, ed è tutta un’altra storia. Le porte si allontanano e per arrivarci bisogna far girare bene la palla, occupare gli spazi, molto più ampi, e poi c’è l’incognita del fuorigioco. Si parte con la consapevolezza che i problemi saranno uguali per tutti e con l’entusiasmo che non può certo mancare. Girone unico da 11 squadre, qualche avversaria la conosciamo, scopriremo le altre strada facendo, ma fin dall’inizio sappiamo che avremo sicuramente una concorrente agguerrita, i “cugini” e amici dell’Aso bianco. La fortuna è avere a disposizione il campo sintetico nuovo di zecca del Paolo VI, che tutti ci invidiano e che abbiamo l’onore di inaugurare con la prima di campionato sabato 8 ottobre. Si gioca col 4-4-2, modulo classico che si sposa bene con le caratteristiche dei nostri (e che solo poche volte abbandoneremo per il 4-3-3). Il portiere, Davide, purtroppo ha il braccio ingessato… e Fellet da difensore si trasforma in saracinesca. La prima partita contro Speranza di Cinisello (che poi si rivelerà la terza forza del campionato), offre subito segnali incoraggianti e si chiude con una rotonda vittoria: 7-1. Poi altre partite da 3 punti senza troppa sofferenza (Samma, San Giorgio Desio, Posl), fino alla sfida con la Baggese: partita che ricorderemo per i tanti falli subiti dai nostri, per l’allenatore avversario che urla continuamente da dietro la recinzione (era squalificato!)… e per il finale emozionante, col gol di Fede che arriva nel recupero e ci regala la vittoria: 2-1. Dopo il Bernate, finalmente il derby e qui, purtroppo, i ragazzi capitolano. Il primo tempo è come se non fossero scesi in campo, perdono tutti i contrasti e non riescono mai a ripartire, quasi fossero intimoriti. Sotto di un gol, nel secondo tempo finalmente si svegliano e arrivano al pareggio, ma a pochi minuti dalla fine, su calcio d’angolo, il piccoletto, nonché capocannoniere del campionato, Bosisio, segna un bel gol di testa: prima sconfitta e Aso bianco a -2 in classifica. Come spesso avviene, però, anche le sconfitte possono essere salutari. I ragazzi si caricano, hanno voglia di rifarsi subito e, del resto, la grinta non ha mai fatto difetto a questa squadra. Riprende la serie di vittorie, sempre con tanti gol, e si va avanti così, bene, fino al nuovo derby. Arriviamo all’appuntamento più importante del campionato con 5 punti di vantaggio, ma il pareggio non interessa. Aspettiamo da mesi la rivincita, ci siamo preparati bene durante gli allenamenti, c’è rispetto per l’avversario, ma pure la giusta convinzione nei nostri mezzi. I ragazzi sanno che devono “aggredire” in ogni parte del campo e far girare la palla velocemente. Il primo tempo, perfetto, si chiude sul 2-0 e con diverse belle giocate. Anche questa volta, però, i cugini segnano di testa su calcio d’angolo (un nostro punto debole) all'inizio della ripresa e i nostri per un po’ accusano il colpo, fino al 3-1 "liberatorio" di Ricky. Proprio in chiusura il 3-2, che però non cambia la sostanza: derby vinto meritatamente e in classifica si vola a più 8 sui cugini, secondi.A Pessano si va per vincere, come sempre, ma con la consapevolezza che in questo caso è in gioco anche la vittoria del campionato con due turni d’anticipo e, nonostante una partita forse non entusiasmante sul piano del gioco, arrivano i 3 punti: 4-0 e negli spogliatoi possono iniziare i festeggiamenti, cantando tutti insieme "i campioni siamo noi!". Onore anche ai cugini, che ci hanno tenuto sempre il fiato sul collo! Comunque, a due giornate dalla fine, il campionato è vinto e, possiamo dirlo, con pieno merito: 51 punti finora, 17 successi su 18 partite, una sola sconfitta, miglior attacco (83 gol realizzati) e miglior difesa (13 gol subiti). Questi sono i numeri della stagione, ma restano solo dei numeri e allora torniamo a loro, ai 17 ragazzi che hanno regalato allo staff e ai genitori tante belle emozioni:Davide, portiere insuperabile, grandi riflessi, agilissimo in porta... piccoli Buffon crescono;Felle, un difensore centrale di quelli “tosti” che, complice l’infortunio di Davide, ha iniziato una nuova “carriera” come portiere e si è fatto trovare sempre pronto;Thomas, difensore centrale pulito, niente falli, forte di testa, ormai una sicurezza;Bi, che vorremmo sempre con noi (ma il Bussero, ahimè! non è d’accordo), sa far salire la squadra e impostare da dietro…il nostro Bonucci;Chino, un vero jolly, fortissimo in difesa, ma quando si sposta a centrocampo, con il piede e la facilità di tiro che si ritrova, punge sempre;Mapo, una freccia velocissima sulla corsia di destra, sempre a tavoletta: avanti e indietro come neppure il pendolino Cafu;Samu, terzino o esterno di centrocampo, l’altro pendolino sulla fascia sinistra … e nessuno direbbe che è un destro naturale;Fede G., l'unico mancino della squadra, terzino e, all’occorrenza, difensore centrale, solido, grintoso e con un bel sinistro;Ale, suo fratello gemello, un jolly, capace di giocare praticamente in tutte le zone del campo: difesa, centrocampo (esterno e interno) e anche attacco;Crive, un piccoletto tutto pepe sulla fascia; affronta senza paura avversari alti il doppio… ed è lui che esce con la palla tra i piedi;Mirko, ha iniziato in attacco, per spostarsi poi in fascia; non molla mai. Sommerso dall’affetto dei compagni quando ha segnato il suo primo gol in campionato;Mattia, grande visione di gioco, grinta, e un tiro da fuori che è una "sentenza". Al momento è lui il capocannoniere della squadra con 17 gol (ma se la gioca con Luca e Ricky e, più staccato, Fede);Miz, un fuoriclasse! Fortissimo tecnicamente, gran tiro, gioca a testa alta da quando era piccolino e nei momenti di difficoltà trascina la squadra;Ricky, un vero funambolo con la palla tra i piedi, ne salta 1, 2, 3... potrebbe essere il nostro Cuadrado, ma preferisce fare il Mertens... che segna di più.Fede, una seconda punta "moderna": pressa, recupera tanti palloni e quando parte da dietro in velocità non ce n'è per nessuno;Barso, attaccante coi piedi buoni, senso della posizione... e 2 gol nei 2 derby;Ambro, attaccante, lotta per la squadra spalle alla porta e ci mette sempre il fisico.E poi lo staff: Giuseppe e Leandro in campo, Massimo che dopo diversi anni ha dovuto lasciare, i dirigenti Alessandro, Alberto, Luca G., Paolo e Luca B. (che è anche il fotografo ufficiale della squadra) e tutti i genitori, che hanno sempre sostenuto la squadra, con tifo entusiasta ma educato. Ciascuno ha dato il proprio contributo per questa bella vittoria, che è il frutto dell'armonia, dell'entusiasmo, della fiducia nei propri mezzi, dell'impegno, della grinta che non manca mai e, alla fine, della grande passione per il calcio che accomuna i ragazzi e noi adulti. Il Mister Leggi tutto Condividi
+Copia link
La sezione running… mette il turbo! La sezione running… mette il turbo! 10 marzo 2017 - Vincenzo Lopresti Martedì sera Alberto, coordinatore della sezione running dell'ASO, ha riunito i primi iscritti alla sezione per iniziare ad organizzare le attività. Il gruppo si ritroverà due volte a settimana, una sera e un momento del week end, per fare i primi percorsi insieme. Tra qualche settimana verrà definita la partecipazione ad alcune gare sia amatoriali che competitive. Sicuramente, uno degli appuntamenti prossimi sarà il 27 Maggio con la maratona del Naviglio. Il sole c'è, l'associazione che ti permette di correre pure. Che aspetti a indossare gli scarpini? Leggi tutto Condividi
+Copia link
Continua il processo di crescita dell’open volley maschile Continua il processo di crescita dell’open volley maschile 09 marzo 2017 - Vincenzo Lopresti Ogni volta che quella bella palla tricolore cade a terra nel campo avversario, o contro il muro dell'avversario e poi fuori, ogni volta che si fa punto a pallavolo il piacere che ti pervade è particolare, profondo, intenso.Intenso: abbiamo strappato il terzo posto all'ultimo match, battendo la bestia nera che di un punto ci stava sopravanzando. Altalenante: quei black out agonistici che lasciano la spiacevole sensazione che ad ogni partita-e dico ogni partita- si poteva fare meglio, si poteva lottare per vincere, contro tutti.Intenso: Il finale cui ambisci e che però non ti aspetti, ovvero un tie-break che vale una vittoria, la seconda consecutiva al 5° set, una vittoria che vale il terzo posto, dietro due squadre più solide ma non così tecnicamente lontane a noi.Altalenante: ritrovarsi sotto di 13 set point e recuperarne 12.Cosa resta del match? La gioia di aver vinto. La consapevolezza di non aver mai mollato.Cosa resta del campionato? Un 3° Posto che schifo non fa, anzi, ha il sapore dolce di chi ha fatto il massimo, per questa volta. Un gruppo che si è compattato, provando a migliorarsi partita dopo partita. Giovani che stanno provando e cercando la giusta strada e la necessaria irriverenza agonistica per diventare grandi. Vecchi che hanno provato a restare giovani ed entusiasti. Un bravo allenatore che ha mixato risate a mazzate, e ha tenuto tutti pronti a contribuire alla causa.Obiettivo: dare continuità a certi momenti di buona pallavolo che esprimiamo. Crescere. Lottare sempre. Vincere!Grazie a Tutti!Stefano Lodi Leggi tutto Condividi
+Copia link
Si chiude un invernale record per l’ASO Rosa Si chiude un invernale record per l’ASO Rosa 07 marzo 2017 - Vincenzo Lopresti Domenica 5 marzo si è giocata l'ultima partita del campionato invernale per le ragazze dell'Aso Rosa: forti dei quattro precedenti risultati positivi, si presentano in campo combattive, nonostante sappiano di trovarsi di forte ad avversarie che valgono.Le giocatrici di mister Canzi subiscono nella prima parte del primo tempo la superiorità tecnica delle avversarie, ma questo non basta a demoralizzarle, tanto che grazie all'azione capitalizzata in rete da Mondonico, le ragazze non smettono di crederci.Nel secondo tempo le ragazze rientrano in campo grintose, grazie al discorso motivatore dei mister Canzi e Cesana, cercando di far valere il piu possibile il loro gioco, formano una catena che permette di arginare le azioni offensive delle avversarie, e a Massafra di realizzare la prima doppietta personale. Le giocatrici del San Marco faranno vedere, anche nel secondo tempo, la loro voglia di vincere, firmando negli ultimi minuti il 9-4.A contrario da come potrebbe sembrare la partita non è stata una disfatta, bensì un terreno di prova per il nuovo modulo adottato dai mister; le nostre ragazze sono scese in campo pronte a lottare anche per il capitano infortunato, Silvia Paderno, che ha motivato le compagne dalla panchina, e per Laura Dragoni, che ha giocato la sua ultima partita.La squadra ne esce con sentimenti contrastanti: da una parte dispiaciuta per "l'addio" del centrale, ma contemporaneamente pronta a lavorare duramente per prepararsi al meglio al campionato primaverile, che avrà inizio ad aprile.Giorgia Guzzi, Claudia Galli Leggi tutto Condividi
+Copia link